Amici di Sicilia nel mondo!
Sulla scia di Nina ... vi invito a leggere uno dei "cunti" classici siciliani.

LO SCARAFAGGIO E LA LUCCIOLA
Uno scarafaggio camminando al buio ogni tanto ruzzolava:
"Mannaja  a  ccu  dicu  ju!"  diceva  nella  sua  testa; e poi si rassegnava a continuare a camminare tra le foglie e le pietre, nel buio fitto.
Incontrò una lucciola che passeggiava come una signorina con  quella  lucetta  sulla  coda che l'accompagna andando per la campagna.
"Quantu  fussi  filici  ccu  sta luci 'nta cuda ... non prenderei cchiù cazzacatummuli"  diceva lo scarafaggio alla lucciola, ccu t'ha desi?
A mia m'ha desi 'u Signuri
E comu putissi fari pp'avilla puru ju?
Vai a domandarla 'o Signuri; vai in chiesa a pregare.
E lo scarafaggio andò in chiesa:
" Signuri  vi  preju, addumatimi na luci 'nta cuda, ca troppi cazzacatummuli pigghiu."
Il  Signore,  muto,  non  lo   sentiva,  e  se lo sentiva non gli rispondeva.
Fu così che dopo tanto pregare, lo scarafaggio girò gli occhi e vide la lampa ad olio che accendeva accanto all'altare.
Salì lassù, con le zampette posteriori si tirò il moccolo e se lo appoggiò addosso, ma come è naturale,  si  bruciò il culo e il moccolo si spenze. 

Una buona giornata a tutti ! W LA SICILIA NEL MONDO !

armando

Spirito Santo
Spirito Santo  inviata da Nina